TRASFORMAZIONI: il nuovo bando della Regione Puglia per Piccole e Medie Imprese Pugliesi

Articoli correlati

TRASFORMAZIONI: il nuovo bando della Regione Puglia per Piccole e Medie Imprese Pugliesi

Share

Con il nuovo Avviso ” TRASFORMAZIONI: Servizi per l’innovazione e l’avanzamento tecnologico e interventi di trasformazione digitale e avanzamento tecnologico a supporto delle PMI” , la Regione Puglia vuole supportare le piccole e medie imprese locali nel loro sviluppo tecnologico e trasformazione digitale.

L’obiettivo è rafforzare la competitività delle aziende pugliesi, aiutandole a modernizzarsi e a crescere nel mercato nazionale e globale.

BENEFICIARI

  • Micro Piccole e Medie Imprese in forma singola o assocoiata;
  • Raggruppamenti, candidati in forma associata e costituiti da MPMI: Associazioni Temporanee di Scopo, Contratti di Rete, Consorzio o Società Consortile;
  • Liberi professionisti che devono possedere tutti i requisiti previsti per le imprese.

.*ciascuna impresa, sia in forma singola che associata, potrà presentare un solo progetto.

**non saranno ritenuti ammissibili i soggetti che partecipino al progetto del raggruppamento apportando unicamente attività consulenziali o di costruzione della partnership, di coordinamento progettuale o a queste assimilabili.

CATEGORIE DEI PROGETTI:

  1. Le iniziative proposte devono essere riconducibili a 4 driver trasversali: ( sostenibilità ambientale e economia circolare; tecnologie dell’informazione per l’industria e la società; scienze della vita e le tecnologie per la salute; crescita blu e economia del mare).

    2. Le iniziative devono riguardare uno dei seguenti settori:

        -Meccanica avanzata, elettronica e automazione -Industria della salute e servizi sanitari

        -Automotive -Sistemi energetici e ambientali

       – Aerospazio -Industrie culturali, creative e del turismo

       – Agroalimentare -Servizi avanzati

        -Sistema casa -Sistema moda

TIPOLOGIA DI INVESTIMENTO

Linea A – Servizi per l’innovazione tecnologica, strategica, organizzativa e commerciale delle PMI:

I servizi di consulenza in materia di Laser-Based Advanced and Additive Manufacturing (LBAAM):

 A1.1 – Servizi di consulenza per la modellazione per Manifattura Additiva;

 A1.2 – Servizi di consulenza per produzione mediante Manifattura Additiva;

 A1.3 -Servizi di consulenza per produzione di prototipi mediante RapidTooling, stampi prototipali e repliche.

I servizi di consulenza in materia di innovazione sostenibile:

        A2.1 – Servizi di consulenza per l’innovazione guidata dal design;

        A2.2 – Servizi di consulenza per l’innovazione di prodotto/servizio;

        A2.3 – Servizi tecnologici di sperimentazione per l’economia circolare.

I Servizi di consulenza legati all’energia e alla sua gestione:

       A3.1 – Servizi di consulenza per l’adozione di un sistema di gestione dell’energia ISO 50001;

        A3.2 – Servizi di supporto alla realizzazione di audit e diagnosi energetica.

Linea B – Servizi finalizzati a interventi di trasformazione digitale delle imprese:

B1 -Servizi a supporto dei processi produttivi basati su tecnologie e dispositivi comunicanti autonomamente fra di loro;

B2 – Servizi a supporto dell’innovazione digitale dei processi di gestione aziendale;

B3 – Servizi a supporto dell’innovazione digitale dei processi di fornitura e distribuzione;

B4 – Servizi per lo sviluppo e adozione di soluzioni e-commerce;

B5 – Servizi di supporto digitale al cambiamento organizzativo;

B6 – Supporto all’implementazione di sistemi di gestione per la sicurezza delle informazioni.

Ciascun candidato al beneficio deve esercitare un’attività economica, rientrante fra quelle identificate dai codici ISTAT ATECO 2007 aggiornati al 2022.

    

SPESE AMMISSIBILI

a) Le spese di personale;

b) I costi relativi a strumentazione ed attrezzature, nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto;

c) I costi per l’acquisto di licenze e/o lo sviluppo di software;

d) I costi per l’ottenimento, la convalida e la difesa dei brevetti e di altri attivi materiali;

e) I costi per i servizi di consulenza a sostegno dell’innovazione:

f) Altri costi di esercizio, compresi i costi dei materiali, delle forniture e di prodotti analoghi, direttamente imputabili al progetto;

g) Le spese generali supplementari.

Articoli correlati

MiniPIA 2024 – REGIONE PUGLIA

Share

L’Avviso sostiene le Micro e Piccole imprese ed i Liberi professionisti che realizzano investimenti produttivi integrati necessariamente con programmi di innovazione, comprendenti anche progetti formativi, servizi di consulenza specialistica o

Leggi tutto