PIA: Aiuti per PMI, Start-up e Aziende Innovative

Articoli correlati

PIA: Aiuti per PMI, Start-up e Aziende Innovative

Share

I PIA (Programmi Integrati di Agevolazione) sono rivolti alle PMI che, in forma singola o con la collaborazione con altre PMI, startup e aziende innovative, possono presentare progetti di investimento che riguardano attività quali ricerca industriale, sviluppo sperimentale, innovazione tecnologica ed industriale, digitalizzazione, transizione energetica ed ambientale, miglioramento delle competenze, nonché coinvolgimento di consulenti specializzati, iniziative di internazionalizzazione e partecipazione a eventi fieristici (investimento minimo 1milione di euro e massimo 50)

Sono state varate le schede di pre-informazione, nei prossimi mesi verranno pubblicati gli avvisi.

L’Avviso stabilisce criteri e modalità per la concessione di agevolazioni alle grandi imprese per attività di ricerca industriale, sviluppo sperimentale e innovazione.

Quale tipologia di investimento verrà ammesso?

Sono ammessi progetti di investimento che riguardano attività quali ricerca industriale, sviluppo sperimentale, innovazione tecnologica ed industriale, digitalizzazione, transizione energetica ed ambientale, miglioramento delle competenze, nonché coinvolgimento di consulenti specializzati, iniziative di internazionalizzazione e partecipazione a eventi fieristici.

Come deve essere costituito il PIA?

Da progetti di Ricerca Industriale e Sviluppo Sperimentale che possono essere integrati da progetti di Innovazione; investimenti produttivi; progetti formativi; investimenti a favore della tutela ambientale;  acquisizione di consulenze specialistiche, programmi di Internazionalizzazione e di partecipazione a fiere.

Chi può presentare il PIA?

PMI singolarmente o in adesione con altre piccole e medie imprese / Start up / imprese innovative.

Quale è la Forma dell’aiuto?

Contributo a Fondo perduto

Quale è l’importo massimo di contributo?

Se il progetto è prevalentemente un progetto di ricerca industriale: 35 milioni di euro per impresa e per progetto;

se il progetto è prevalentemente un progetto di sviluppo sperimentale: 25 milioni di euro per impresa e per progetto;

Quale è l’intensità dell’aiuto?

A fronte di Investimenti in:

Ricerca Industriale il contributo non supera il  60% per le Medie aziende e il 70% per le Piccole aziende;

Sviluppo Industriale il contributo non supera il 35 % per le medie imprese ed il 45 % per le piccole imprese;

Innovazione è concesso un contributo nel limite del 50% delle spesa ritenuta ammissibile;

Produttivi il contributo non super il 40% per le medie imprese; 50% per le piccole imprese;

Formazione il contributo è erogato in misura massima del 50%;

Efficienza energetica il contributo sarà pari al 45% per le grandi imprese, 55% per le medie imprese, 65% per le piccole imprese dei costi ammissibili.

Promozione dell’energia da fonti rinnovabili, di idrogeno rinnovabile e di cogenerazione ad alto rendimento

Il contributo sarà pari  al 55% per le medie imprese  e il 65% per le piccole imprese dei costi ammissibili.

Servizi di consulenza nel limite del 50% della spesa ritenuta ammissibile e congrua.

Quali sono i criteri di valutazione della domanda?

Criterio di valutazione formale – verifica della corretta conformità documentale presentata;

Criterio di valutazione sostanziale – le domanda formalmente corrette saranno esaminate in base alla Coerenza con la pianificazione regionale e l’allineamento alla strategia di specializzazione intelligente della regione; Livello di innovazione e la possibilità di trasferimento dell’idea proposta;

Attuabilità tecnica ed ambientale, in linea con le normative urbanistiche e i requisiti temporali per le approvazioni amministrative, concessioni e pareri necessari all’avvio; Qualità della proposta, con particolare attenzione alla chiara definizione degli obiettivi e all’analisi del mercato; Solidità tecnico-economica, inclusi elementi come la coerenza tra dimensione dei soggetti coinvolti e gli investimenti pianificati, la sostenibilità e l’affidabilità finanziaria ed economica dei partecipanti, nonché la disponibilità di risorse finanziarie per supportare gli investimenti; Impatto occupazionale e la qualificazione delle risorse umane coinvolte; Valore della produzione effettiva, particolarmente rilevante per le PMI partecipanti.

Articoli correlati

MiniPIA 2024 – REGIONE PUGLIA

Share

L’Avviso sostiene le Micro e Piccole imprese ed i Liberi professionisti che realizzano investimenti produttivi integrati necessariamente con programmi di innovazione, comprendenti anche progetti formativi, servizi di consulenza specialistica o

Leggi tutto