SIMEST: dal 28 ottobre al via del domande

Share
SIMEST in convenzione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) ha deliberato la riapertura del nuovo Fondo 394, strumento pubblico a sostegno dell’internazionalizzazione delle imprese italiane.
Il 28 ottobre alle ore 9:30 si aprirà il Portale operativo per la ricezione delle domande di finanziamento, ma dal 21 ottobre le imprese potranno pre-caricare il modulo firmato digitalmente (una sola domanda di finanziamento per ogni azienda).
Il Fondo vanta una dotazione di 1,2 miliardi di euro, destinati a favorire la transizione digitale ed ecologica delle PMI italiane a vocazione internazionale, attraverso tre nuovi finanziamenti:
  • Transizione digitale ed ecologica delle PMI a vocazione internazionale: finanziamento agevolato per PMI costituite in forma di società di capitali, con fatturato export di almeno il 10% nell’ultimo anno o 20% nell’ultimo biennio; le risorse dovranno essere destinate per almeno il 50% a investimenti per la transizione digitale e per la restante quota a investimenti in transizione ecologica e competitività internazionale. Lo strumento ha durata 6 anni (2 di pre-ammortamento) e  importo massimo finanziabile di 300mila euro, che non può comunque superare il 25% dei ricavi medi degli ultimi due bilanci approvati e depositati.
  • Partecipazione delle PMI a fiere e mostre internazionali, anche in Italia, e missioni di sistema: finanziamento agevolato per la partecipazione di PMI a un singolo evento internazionale, anche virtuale (iera, mostra, missione imprenditoriale e missione di sistema), per promuoversi sui mercati esteri o in Italia. Almeno il 30% del finanziamento deve essere destinato a spese digitali connesse all’evento, a meno che l’evento stesso non sia a tema digital o ecologico. Importo massimo del finanziamento pari a 150mila euro (non può comunque superare il 15% dei ricavi medi degli ultimi due bilanci approvati e depositati) e .periodo di rimborso di 4 anni, con 1 anno di pre-ammortamento.
  •  Sviluppo del commercio elettronico delle PMI in Paesi esteri (e-commerce): finanziamento agevolato per PMI costituite in forma di società di capitali, destinato alla creazione o miglioramento di una piattaforma propria di e-commerce o all’accesso a una piattaforma di terzi (market place) per la commercializzazione di beni o servizi prodotti in Italia o con marchio italiano. Importo finanziabile  da 10mila a 300mila euro, per piattaforma propria, fino a 200mila per i market place (senza comunque superare il 15% dei ricavi medi de gli ultimi due bilanci approvati e depositati). Durata del finanziamento di 4 anni con 1 anno di pre-ammortamento.
E’ previsto  finanziamento a tasso agevolato (attualmente, allo 0,055% annuo) con una quota di cofinanziamento a fondo perduto fino al 25% e senza garanzie.
Il cofinanziamento a fondo perduto sale fino al 40% per PMI con almeno una sede operativa nel Sud Italia (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia): a queste imprese è riservato il 40% della dotazione del Fondo (480 milioni di euro), che in caso di mancato esaurimento, verrà redistribuito alle restanti regioni.

Agevolazioni Puglia has written 125 articles

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *

*

code

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>