Nuove imprese a tasso zero: rettificati i parametri di valutazione

Share

Pubblicata in Gazzetta Ufficiale numero 108 del 7 maggio 2021 la circolare direttoriale 20 aprile 2021, numero 135072 del ministero dello Sviluppo economico che rettifica parzialmente le modalità e i termini di presentazione delle istanze per la richiesta delle agevolazioni previste dal decreto 4 dicembre 2020 (Autoimprenditorialità. Nuove imprese a tasso zero) e specifica i nuovi criteri e l’iter di valutazione delle domande, incluse le soglie e i punteggi necessari ai fini dell’accesso.

Nuove imprese a tasso zero, è la misura attuativa del Titolo I, Capo I, del Dlgs 185/2000, che ha l’obiettivo di sostenere, su tutto il territorio nazionale, la creazione e lo sviluppo di micro e piccole imprese a prevalente o totale partecipazione giovanile o femminile.

I beneficiari:

La misura è rivolta a medie piccole e micro imprese costituite da non più di 60 mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione e in cui la compagine societaria sia composta, per oltre la metà numerica dei soci e di quote di partecipazione, da soggetti di età compresa tra i 18 ed i 35 anni ovvero da donne.

Beneficiari della misura sono anche le persone fisiche che intendono costituire una nuova impresa, purché esse facciano pervenire la documentazione necessaria a comprovarne l’avvenuta costituzione entro i termini indicati nella comunicazione di ammissione alle agevolazioni.

Le attività ammissibili:

Tra le attività ammissibili rientrano:

  • i settori della produzione di beni nei settori industria, artigianato e trasformazione dei prodotti agricoli;
  • fornitura di servizi alle imprese e alle persone, ivi compresi quelli afferenti all’innovazione sociale;
  • commercio di beni e servizi;
  • turismo ivi incluse le attività turistico-culturali finalizzate alla valorizzazione e alla fruizione del patrimonio culturale, ambientale e paesaggistico, nonché le attività volte al miglioramento dei servizi per la ricettività e l’accoglienza.

Le spese ammissibili:

I programmi di investimento presentati dalle imprese costituite da non più di 36 mesi possono prevedere spese ammissibili non superiori a 1.500.000 euro. Nel rispetto del predetto massimale è possibile comprendere un importo a copertura delle esigenze di capitale circolante (da giustificare nel piano di impresa e utilizzabile ai fini del pagamento di materie prime, servizi necessari allo svolgimento delle attività dell’impresa e godimento di beni di terzi), nel limite del 20% delle spese di investimento. Per le imprese che sono costituite da più di 36 mesi e da meno di 60 mesi, l’importo delle spese ammissibili non può essere superiore a 3.000.000 euro. I programmi dovranno essere realizzati entro 24 mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento.

Come presentare domanda:

Il nuovo provvedimento di rettifica del Mise del 20 aprile 2021 interviene proprio su tali parametri. La nuova circolare del 20 aprile, introduce un nuovo allegato 1 recante le corrette specificazioni di valutazione, che sostituiscono le precedenti.

I criteri di valutazione presenti al punto 9.4 cui riguardano nello specifico:
A) adeguato presidio delle competenze tecniche, organizzative e gestionali richieste dall’attività imprenditoriale;
B) coerenza del progetto proposto con gli aspetti tecnico-produttivi e organizzativi funzionali alla realizzazione dall’attività imprenditoriale;
C) coerenza del progetto proposto con le potenzialità del mercato di riferimento.

In riferimento ai criteri di valutazione in base al punto 9.9 i criteri riguardano invece:
D) sostenibilità dell’iniziativa proposta e aspetti economici e finanziari connessi all’iniziativa presentata, ivi compresa la capacità di far fronte agli impegni derivanti dalla realizzazione del progetto, tenuto anche conto della natura e dell’importo delle agevolazioni effettivamente concedibili sulla base delle risorse disponibili;
E) funzionalità e coerenza delle spese di investimento oggetto del programma ammissibile e idoneità della sede individuata.

Le domande potranno essere presentate, esclusivamente online sulla piattaforma informatica di Invitalia, dal prossimo 19 maggio 2021.

Agevolazioni Puglia has written 125 articles

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *

*

code

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>