La legge 388 per il commercio elettronico

Share
La legge 388/00 con Bando di gara 2006 è la legge per eccellenza atta a favorire lo sviluppo tecnologico delle imprese e in special modo il commercio elettronico. Il bando esplicita che per commercio elettronico si intende "ogni transazione" che preveda relazioni commerciali con altre imprese o clienti. L'invio di un semplice preventivo rientra in queste definizione.

La legge 388/00 con Bando di gara 2006 è la legge per eccellenza atta a favorire lo sviluppo tecnologico delle imprese e in special modo il commercio elettronico. Il bando esplicita che per commercio elettronico si intende "ogni transazione" che preveda relazioni commerciali con altre imprese o clienti. L'invio di un semplice preventivo rientra in queste definizione.

Traguardo
Promuovere iniziative d'investimento orientate allo sviluppo delle attività di commercio elettronico.
Il Ministero ha la circolare del  10/03/2006  modificato e integrato le regole dei precedenti bandi.
Per i settori tessili, abbigliamento e calzaturiero il bando prevede in più oltre al contributo del 45% in conto capitale (e non tramite credito d'imposta) un ulteriore finanziamento a tasso agevolato e promuove la gestione, organizzazione, controllo della produzione e logistica delle filiere.

Modo
Le istanze per l'accesso alle agevolazioni devono essere predisposte e presentate da un "soggetto promotore" nella forma privilegiata consortile di almeno 5 PMI (clicca qui per la nuova definizione di PMI) . Le aziende aderenti al consorzio riceveranno un contributo sotto forma di credito d'imposta, pari al 45% del progetto. Il bando è ad esaurimento risorse.
Nel caso di partecipazione al bando nella forma di ATI (composte da almeno 14 PMI) riceveranno il 40%.
Le singole imprese, che non hanno priorità rispetto alle altre due forme, riceveranno solo il 35%.

Spese ammissibili
Sono ammesse le seguenti spese:
a) Spese per hardware nel limite del 5% del costo totale del progetto;
b) Spese per software per tiratura ai fini della realizzazione del progetto (senza limite);
c) consulenze specialistiche per lo sviluppo, la customizzazione e  personalizzazione     dell'applicazione che gestisce l'attività di vendita via internet (ad esempio applicazioni di
    e-Commerce, applicazioni business-to-business, etc.) e per l'integrazione di questa con gli     altri sistemi informativi aziendali (gestione magazzino, vendite, distribuzione,     amministrazione, Business Intelligence, CRM) – Senza limite di spesa;
d) costi di marketing nel limite dal 15 % del costo totale del progetto, più,propriamente quelli     relativi all'aumento di visibilità dell'offerta on-line: creazione e registrazione di marchi,     search advertising, banner, comparatori di prezzo, etc.;
e) Spese di manutenzione e assistenza sia software che Hardware per i successivi anni nei     limiti del 10% del totale del progetto;
f) formazione del personale e spese per e-learning ovvero formazione per la gestione in     house dei processi di sviluppo, manutenzione ed aggiornamento della piattaforma     tecnologica nel limite del 15%.
Sono incluse anche le spese per dotazione interna di hardware, software e attrezzature per le singole imprese partecipanti inerenti, in via prevalente, al progetto, per un massimo di € 25.000 ciascuno e per un massimo del 10% del valore complessivo del progetto.
Il valore del progetto complessivo non dovrà essere inferiore a 30.000,00 € e superiore ai 100.000 €

Imprese

Tutte le imprese titolari di Partita IVA, individuali o societarie, anche aventi forma cooperativa con la sola eccezione di quelle operanti nei settori per i quali non è applicabile la disciplina "de minimis" (operanti nei settori dei trasporti, agro-industriale, attività connesse all'esportazione,alla costruzione e gestione di una rete di distribuzione)

Misure

L'ammontare delle agevolazioni,sotto forma di credito di imposta, per ogni singola impresa partecipante è nella misura dell' 35% dei costi ammissibili, per le ATI (Associazioni temporanee di impresa) con almeno 14 imprese del 40%; per le singole imprese solo il 35% dei costi ammissibili.
La regola de-minimis prevede che l'importo complessivo non possono superare 100.000 EURO su un periodo di 3 anni per ogni impresa partecipante

Inventa Impresa Puglia
Sportello Informativo Gratuito
Mail info@inventaimpresa.it
Tel. 0833/545281

Agevolazioni Puglia has written 341 articles

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *

*

code

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>