Guida agenti di commercio

Share
GUIDA ALL'ATTIVITA' DI
AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO

L'agente di commercio è un lavoratore autonomo che assume l'incarico di promuovere, per conto di un terzo, la conclusione di contratti in una zona determinata.

GUIDA ALL'ATTIVITA' DI
AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO

L'agente di commercio è un lavoratore autonomo che assume l'incarico di promuovere, per conto di un terzo, la conclusione di contratti in una zona determinata.

INTRODUZIONE
L´attività di Agente o Rappresentante di commercio é subordinata all´iscrizione in un apposito Ruolo abilitante tenuto presso le Camere di Commercio.
Poiché la figura dell´Agente o Rappresentante di commercio viene trattata come un lavoratore autonomo, questa attività é incompatibile con altre e pertanto l´iscrizione avviene solamente dopo l´accertamento della presenza di alcuni requisiti necessari e l´assenza di situazioni di incompatibilità.

ISCRIZIONE
Per l´iscrizione al Ruolo presso la Camera di Commercio della Provincia di competenza – dove si ha la residenza o dove si è eletto il domicilio professionale se si tratta di un´impresa individuale, oppure la sede legale se si tratta di una Società – vanno presentate:
la domanda di iscrizione;
la documentazione da allegare.
La legge prevede la chiusura del procedimento di iscrizione entro il termine massimo di 60 giorni dalla data di presentazione della domanda.

REQUISITI
Per potersi iscrivere al Ruolo Agenti e Rappresentanti di Commercio é necessario possedere determinate caratteristiche così suddivise:

  • requisiti generali
  • requisiti morali
  • requisiti professionali

Requisiti Generali

  • maggiore età
  • per le persone fisiche: cittadinanza dell´Unione Europea o possesso del permesso di soggiorno per motivi di lavoro autonomo, lavoro dipendente, motivi familiari; per i legali rappresentanti di Società cittadinanza dell´U.E. o possesso del permesso di soggiorno per uso lavoro autonomo, dipendente (oppure anche per gli altri usi precedentemente elencati)

Requisiti Morali

  • non essere interdetto, inabilitato o dichiarato fallito, salvo che non sia stata ottenuta la riabilitazione civile per la dichiarazione di fallimento
  • non essere stato condannato con sentenza passata in giudicato, per i seguenti delitti: delitti contro la pubblica amministrazione, l´amministrazione della giustizia, la fede pubblica, l´economia pubblica, l´industria ed il commercio, ovvero per delitto di omicidio volontario, furto, rapina, estorsione, truffa, appropriazione indebita, ricettazione e per ogni altro delitto non colposo per il quale la legge commini la pena della reclusione non inferiore, nel minimo, a due anni e, nel massimo, a cinque anni salvo che non sia intervenuta la riabilitazione penale. La riabilitazione può essere chiesta dopo cinque anni dall´aver scontato la pena, dopo dieci anni se recidivi
  • non essere sottoposto a misure di prevenzione contro la delinquenza mafiosa.

Tra i reati contro la fede pubblica rientrano l´emissione di assegni senza provvista e l´emissione di assegni senza autorizzazione del trattario, depenalizzati con Decreto Legislativo n.507 del 30.12.1999 (in vigore dal 15.01.2000).

Requisiti professionali

  • esperienza lavorativa di un biennio di attività, nell´ultimo quinquennio, come dipendenti qualificati addetti al settore vendite (nel settore commercio livelli I, II, negli altri settori livelli VI, VII)

oppure

  • attività di commercio come lavoratore autonomo, per almeno due anni nell´ultimo quinquennio, o attività artigiana di produzione e relativa vendita.

oppure

  • socio o amministratore di una società, regolarmente iscritta al Registro delle Imprese, che esercita (o esercitava) attività di vendita o di agenzia di rappresentanza, svolgendo (o avendo svolto) mansioni di organizzazione e direzione delle vendite, per almeno due anni negli ultimi cinque.

oppure

  • lavoro autonomo come agente per un biennio di attività, svincolato dall´ultimo quinquennio, nel caso di persona già iscritta nel Ruolo, che sia incorsa nella decadenza prevista dalla precedente legge.

Coloro che non hanno né il titolo di studio, né una precedente esperienza lavorativa, possono accedere al Ruolo dopo aver frequentato un apposito corso professionale ed aver superato il relativo esame finale.

DOCUMENTAZIONE
Per potersi iscrivere è necessario presentare:

  • domanda in bollo, su apposito modulo, ritirabile presso l´Ufficio Albi e Ruoli ovvero: cliccando qui per le iscrizioni individuali, oppure cliccando qui per le iscrizioni di società, scaricandoli direttamente.
  • titolo di studio, fotocopia più originale in visione:
  • nel caso di titolo di studio abilitante: diploma o certificato di scuola secondaria di secondo grado, o superiore, ad indirizzo commerciale o giuridico.
  • nel caso in cui il requisito abilitante non sia il titolo di studio occorre comunque aver assolto agli obblighi scolastici, vigenti al momento dell´età scolare dell´interessato, ed aver conseguito il relativo titolo. In pratica: – per i nati fino al 31 dicembre 1951 è sufficiente la licenza di 5^ elementare, – per i nati dal 1° gennaio 1952 è indispensabile la licenza di 3^ media, – con Decreto ministeriale n.323 del 9 agosto 1999, l´obbligo scolastico è adempiuto quando l´alunno abbia conseguito la promozione al secondo anno di scuola secondaria superiore.
  • se ne ricorre il caso: idonea documentazione comprovante il requisito professionale posseduto.
  • per chi ha frequentato il corso professionale: certificazione relativa al superamento dell´esame finale del corso stesso: fotocopia più originale in visione.

 

  • attestazione dei versamenti di:
  • diritto di segreteria di €.31,00 da effettuarsi sul c/c postale n.8284 intestato alla Camera di Commercio I.A.A. di Vercelli, in alternativa il versamento potrà essere effettuato presso l´Ufficio preposto alla ricezione della domanda.
  • Tassa di Concessione Governativa di €. 168,00 da effettuarsi sul c/c postale n.8003 intestato all´Agenzia delle Entrate – Centro operativo di Pescara – Tasse Concessioni Governative (il bollettino è ritirabile presso qualsiasi Ufficio Postale).

VARIAZIONI DI SOCIETA
Le variazioni societarie, una volta inserite a visura da parte del Registro Imprese, devono essere comunicate all´Ufficio Albi e Ruoli utilizzando l´apposita modulistica, fornita dall´ufficio stesso, oppure cliccando qui per scaricarla direttamente.

CANCELLAZIONI
La domanda di cancellazione deve essere prodotta su apposito modulo ritirabile presso l´Ufficio Albi e Ruoli oppure cliccando qui per scaricarla direttamente.

RICORSI E SANZIONI
Avverso il diniego di iscrizione o la cancellazione d´ufficio é ammesso ricorso alla Commissione centrale presso il Ministero delle Attività Produttive, entro 30 giorni, oppure ricorso al T.A.R. entro 60 giorni.
L´esercizio abusivo della professione é punito con una sanzione amministrativa da €. 516,46 a €. 2.065,83 sia a carico dell´agente sia a carico della casa mandante.

INIZIO E CESSAZIONE ATTIVITÀ

  • per inizio attività: denuncia entro 30 giorni all´ufficio I.V.A., al Registro Imprese e all´I.N.P.S.. La ditta mandante provvederà all´iscrizione all´ENASARCO;
  • per cambio residenza e cessazione attività: comunicazione all´ufficio I.V.A., al Registro Imprese, all´I.N.P.S. e all´Ufficio Albi e Ruoli..

INCOMPATIBILITÀ
Sono incompatibili:

  • l´attività di lavoro dipendente da persone, Associazioni, Enti, privati o pubblici e l´iscrizione nel Ruolo degli Agenti di Affari in Mediazione. Non é incompatibile il lavoro dipendente part-time negli enti pubblici se non superiore al 50%.

Ritenute Fiscale: 23% sul 50% delle provvigioni

 

Agevolazioni Puglia has written 341 articles

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *

*

code

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>