Finanziamenti di Invitalia 2016

FacebookTwitterGoogle+Condividi
Finanziamenti di Invitalia 2016

Finanziamenti di Invitalia 2016

Finanziamenti di Invitalia 2016

Dal 13 gennaio 2016 sarà possibile richiedere i finanziamenti agevolati presso Invitalia.

Dopo lo Stop avvenuto a metà anno, riprendono quindi i finanziamenti di Invitalia. Molte però le novità che accompagnano queste misure. Anzitutto va specificato che questa misura rinnova quella destinata all’ AUTOIMPRENDITORIALITA’ (e non all’ Autoimpiego: Lavoro Autonomo, Microimpresa, Franchising – tutt’ora bloccate), la stessa va a recepire il regolamento stabilito con decreto 8/7/15 n.140.

Va precisato in via preliminare che in questa tornata sparisce il Fondo Perduto. Il finanziamento agevolato prevede infatti solo e unicamente un tasso zero sull’investimento della durata massima di 8 anni e che può coprire sino al 75% delle spese che non devono essere superiori a 1,5 milioni. L’impresa dovrà garantire il 25%.

I finanziamenti di Invitalia 2016 saranno fruibili su tutto il territorio nazionale a favore di iniziative nella produzione di beni nei settori dell’industria, dell’artigianato, della trasformazione dei prodotti agricoli; nella fornitura di servizi alle imprese e alle persone; nel commercio di beni e servizi; nel turismo.Non da ultimo saranno altresì spendibili tali finanziamenti agevolati a favore di attività turistico-culturali, (attività finalizzate alla valorizzazione e alla fruizione del patrimonio culturale, ambientale e paesaggistico, nonché al miglioramento dei servizi per la ricettività e l’accoglienza).

Le spese ammissibili, sostenute dalla data di presentazione della domanda o dalla costituzione della società se costituita successivamente all’invio, sono quelle relative all’acquisto di beni materiali e immateriali e servizi rientranti nelle seguenti categorie: a) suolo aziendale; b) fabbricati, opere edili / murarie, comprese le ristrutturazioni; c) macchinari, impianti ed attrezzature varie nuovi di fabbrica; d) programmi informatici e servizi per le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC) commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa; e) brevetti, licenze e marchi; f) formazione specialistica dei soci e dei dipendenti del soggetto beneficiario, funzionali alla realizzazione del progetto; g) consulenze specialistiche.

Potranno beneficiare della nuova agevolazione le piccole imprese, costituite o da costituire, che vedono nella compagine prevalentemente la partecipazione da parte di giovani tra i 18 e  i 35 anni o di donne, le società dovranno essere costituite da massimo dodici mesi dalla data di presentazione della domanda di finanziamento.

Per maggiori informazioni consultare regolamento finanziamenti invitalia 2016

Agevolazioni Puglia has written 61 articles

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>