Stampa
PDF

BANDO COMMERCIO DELLA REGIONE PUGLIA 2013

Scritto da Agevolazioni Puglia.


Ai nastri di partenza il nuovo bando della Regione Puglia a favore delle piccole e medie imprese del commercio. Le risorse disponibili sono pari a euro 6.579.387,24 di cui euro 1.000.000,00 riservati ad associazioni.

Di seguito scheda di sintesi.

Attraverso questa misura si intende riqualificare e rivitalizzare il sistema distributivo con particolare riferimento ai centri storici e alle zone urbane a tradizionale vocazione commerciale ivi compresi i mercati su aree pubbliche quali centri commerciali naturali per il recupero e la valorizzazione dei mercati rionali e delle attrezzature per lo svolgimento di attività commerciali. Il bandi intende favorire anche lo sviluppo e l’innovazione delle imprese attraverso incentivi all’e-commerce.

 

SOGGETTI BENEFICIARI

Potranno beneficiare delle agevolazioni ditte individuali e società che esercitano:

a)      Esercizi di vicinato compreso rivendita di generi di  monopolio;

b)     Titolari di autorizzazione per punti vendita esclusivi di giornali e riviste;

c)      Le associazioni temporanee di impresa e i consorzi devono essere costituiti tra imprese che esercitano attività commerciale al dettaglio;

d)     Pubblici esercizi che svolgono attività di somministrazione al pubblico di alimenti, pasti e bevande (ristoranti, trattorie, tavole calde, pizzerie, birrerie ed esercizi similari) nonché di latte, di dolciumi, compresi i generi di pasticceria e gastronomia ( bar caffè, gelaterie, pasticcerie, ed esercizi similari). Tali attività possono essere svolte anche:

  • Congiuntamente all’attività di intrattenimento e svago in discoteche, sale da ballo, sale da gioco, locali notturni, stabilimenti balneari ed esercizi similari;
  • All’interno di esercizi posti nelle aree di servizio delle autostrade e nelle stazioni ferroviarie, aeroportuali e marittime;

Il progetto può riguardare la realizzazione di un nuovo impianto, l’ammodernamento, l’ampliamento, la ristrutturazione o il trasferimento di una unità locale esistente.

INTENSITA’ DELL’AIUTO

L’aiuto è concesso nella forma di contributo a fondo perduto nella seguente misura:

  • Nel limite massimo di euro 25.000,00, pari al 70% sulle spese ammesse, per i programmi di investimento presentati da PMI del commercio;
  • Nel limite massimo di euro 50.000,00, pari al 70% sulle spese ammesse, per i programmi di investimento presentati da associazioni temporanee di impresa o da consorzi.

Inoltre le spese complessive di ogni programma di investimenti non potranno essere inferiori  a euro 15.000,00.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese effettuate a partire dal giorno successivo a quello di presentazione della domanda ed entro i 12 mesi dalla data del provvedimento di concessione e che riguardano:

a)      Studi, progettazione, spese generali e acquisizione di servizi (agevolabili fino ad un massimo del 5%). La voce comprende:

-          Direzione lavori,

-          Collaudi di legge,

-          Oneri per concessione edilizia.

b)     Attrezzature mercatali mobili utilizzate per la vendita nelle aree mercatali che vengono spostate di volta in volta per progetti di associazioni temporanee di impresa e per consorzi costituiti tra operatori su aree pubbliche;

c)      Macchinari, impianti ed attrezzature varie, nuovi di fabbrica, compresi quelli necessari all’attività amministrativa dell’impresa;

d)     Mezzi mobili;

e)     Programmi informatici;

f)       Opere murarie ed assimilate (relative solo ad opere di adeguamento o ampliamento di immobili preesistenti);

g)      Infrastrutture specifiche aziendali  ((relative solo ad opere di adeguamento o ampliamento di immobili preesistenti);

h)     Acquisto di sistemi di sicurezza antintrusione, antitaccheggio e antirapina, dotati di comprovabili requisiti di innovazione rispetto ai sistemi tradizionali;

i)        Spese specifiche riferite a progetti per la tutela dell’ambiente e delle risorse naturali ( max 25%);

j)       Acquisizione di software e infrastrutture destinati alla creazione di siti e-commerce;

k)      Progetti di promozione e comunicazione limitatamente ai programmi presentati dalle associazioni.

SPESE NON AMMISSIBILI

Sono escluse dalle agevolazioni le seguenti spese:

-         Le spese per imposte e tasse,

-         Le spese notarili;

-         L’acquisto di mezzi mobili targati;

-         L’acquisto di scorte;

-         L’acquisto di macchinari, impianti ed attrezzature usati;

-         Le spese di funzionamento in generale;

-         Le spese non capitalizzate;

-         Le spese di pura sostituzione (che non determinano apporto di innovazione);
le spese in leasing;

-         Le spese per materiale di consumo, facilmente deteriorabile, utensileria, minuteria (materiale di cancelleria, componentistica, ricambi, posateria, piatti, bicchieri, pentole, tovagliato, piccoli attrezzi da cucina);
le spese commissionate con la modalità del “contratto chiavi in mano);

-         Le spese per beni di cui la ditta beneficiaria risulti ancora fornitrice;

-         Le spese di locazione;

-         Le spese per acquisti di beni e servizi da parenti e affini entro il secondo grado del beneficiario o di uno dei soci dell’impresa beneficiaria anche nel caso in cui il rapporto di parentela sussista con un soggetto che rivesta il ruolo di amministratore o socio dell’impresa fornitrice;

-         Le spese regolate in contanti;

-         Le spese per il pagamento di royalty o commissioni di ingresso nell’ambito dei contratti di franchising;

-         Le spese per contratti di forniture di servizi di assistenza tecnica;

-         Le spese effettuate attraverso il pagamento di cambiali o dilazioni di pagamento con data di scadenza successiva alla data di richiesta del saldo delle agevolazioni.

 

I beni, macchinari, attrezzature, le strutture, stabilimenti e altri tipi di beni  immobili comunque denominati per i quali è stato concesso il contributo non possono essere alienati, ceduti o distrutti per un periodo di cinque anni dalla data della loro entrata in funzione.

MECCANISMI PROCEDURALI E DI VALUTAZIONE DELLE DOMANDE

Le domande potranno essere presentate dal 4 marzo 2013 ed entro il 4 aprile 2013.

Sulla base dell’ordine cronologico (data e ora) di presentazione delle domande e fino ad esaurimento delle risorse disponibili sarà predisposto un elenco dei progetti finanziabili. A tal fine farà fede la ricevuta di trasmissione a mezzo PEC del modulo di presentazione domanda che riporta la data e l’ora di inoltro della PEC.

A parità di ordine cronologico di data e ora le richieste ammissibili verranno inserite nell’elenco dei progetti finanziabili sulla base del rispetto dei criteri sotto indicati che sono posti in ordine di prevalenza dal primo all’ultimo:

-         Interventi realizzati nei centri storici;

-         Imprese a prevalente gestione femminile;

-         Progetto di e-commerce;

-         Progetto che contribuisce alla diffusione dell’innovazione tecnologica e dei sistemi di sicurezza;

-         Progetto che contribuisce alla tutela dell’ambiente e delle risorse naturali.

PROCEDURE PER LA CONCESSIONE E LA LIQUIDAZIONE DEL CONTRIBUTO

Il contributo sarà concesso con apposita determinazione del Dirigente del Servizio regionale Attività Economiche e Consumatori. Di tale determinazione verrà data tempestiva comunicazione ai soggetti interessati tramite l’invio all’indirizzo PEC dichiarato nella domanda. Il termine per la conclusione del procedimento è di 120 giorni che decorrono dalla data di chiusura del bando.

La liquidazione può essere effettuata in due quote:

-         La prima quota pari al 50% del contributo massimo concedibile, può essere erogata esclusivamente a titolo di anticipazione, previa presentazione di fideiussione bancaria o assicurativa irrevocabile, incondizionata ed escutibile a prima richiesta rilasciata a favore della Regione Puglia, di importo pari all’anticipazione richiesta maggiorata del 5% a garanzia delle somme erogate. L’anticipazione deve essere richiesta entro e non oltre 30 giorni successivi all’atto di concessione del contributo.

-         La seconda quota a saldo, sarà erogata ad avvenuta realizzazione del 100% del progetto e a seguito dell’invio dell’apposita istanza con la documentazione allegata.

È importante attivarsi presto per beneficiare delle agevolazioni di cui al presente bando

Per informazioni occorre compilare la schedacontatto

e inviarla a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Contattaci per ricevere maggiori informazioni »

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

In Evidenza

  • scopri se con NIDI, puoi avviare la tua attività

    Nidi, nuove iniziative d'impresa, incentivo della Regione Puglia, più semplicemente la nuova microimpresa regionale pugliese.

    Oggi una risposta alla crisi, l'assenza di opportunità di lavoro stabile, l'estrema difficoltà nell'ottenere credito dalle banche, spinge molti a tentare una strada autonoma, Nidi in questo senso è un vero aiuto regionale.

    Oggi più che mai con l'assenza di opportunità di lavoro fisso e la intensa difficoltà di ricevere un prestito dalle banche la Regione Puglia con lo strumento NIDI, rende disponibile un incentivo alla creazione di microimprese, tentando con ciò di dare speranza e sollievo ad alcuni soggetti che intendono porsi in gioco e tentare l'avventura del lavoro autonomo.

    Leggi tutto...