Assunzioni agevolate per le imprese

Share

Assunzioni agevolate per le imprese.
Le aziende possono usufruire di sgravi contributivi assumendo lavoratori in possesso dei requisiti indicati in tabella

Le aziende possono usufruire di sgravi contributivi assumendo lavoratori in possesso dei requisiti indicati in tabella

  1. CONTRATTO DI INSERIMENTO

(Normativa di riferimento: Legge 14 maggio 2005, n. 80, art. 1bis; Decreto legislativo 6 ottobre 2004, n. 251; Circolare ministeriale del 21 luglio 2004 n. 31; Decreto legislativo 276/2003, artt. 54-59; Circolare INPS n. 51 del 16 marzo 2004)

Quali lavoratori?

Il contratto di inserimento mira a inserire (o reinserire) nel mercato del lavoro alcune categorie di persone, attraverso un progetto individuale di adattamento delle competenze professionali del singolo a un determinato contesto lavorativo. Momento centrale del contratto è la redazione del piano di inserimento lavorativo, che deve garantire l’acquisizione di competenze professionali attraverso la formazione on the job.

In sintesi il contratto di inserimento è applicabile ai seguenti soggetti:

  • persone di età compresa tra 18 e 29 anni

  • disoccupati di lunga durata 29 e 32 anni

  • lavoratori con più di 50 anni privi del posto di lavoro

  • lavoratori che intendono riprendere un’attività e che non hanno lavorato per almeno due anni

  • donne di qualsiasi età che risiedono in aree geografiche in cui il tasso di occupazione femminile sia inferiore almeno del 20% a quello maschile (oppure quello di disoccupazione superiore del 10%)

  • persone riconosciute affette da un grave handicap fisico, mentale o psichico

Quali aziende?

  • enti pubblici economici, imprese e loro consorzi

  • gruppi di imprese

  • associazioni professionali, socio-culturali e sportive

  • fondazioni

  • enti di ricerca pubblici e privati

  • organizzazioni e associazioni di categoria

Quali agevolazioni?

Gli incentivi economici sono introdotti dalla art. 59 co.1 del D.Lgs. n. 276/03 e prevedono la possibilità di assegnare al lavoratore una categoria di inquadramento fino a due livelli inferiori a quella spettante in base al C.c.n.l. applicato dal datore di lavoro.

Gli incentivi normativi sono introdotti dall’art. 59 co. 2 del D.Lgs. n. 276/03 e prevedono che: “i lavoratori assunti con contratto di inserimento sono esclusi dal computo dei limiti numerici previsti da leggi e contratti collettivi per l’applicazione di particolari normative e istituti”.

Gli sgravi contributivi, in attesa della riforma, sono quelli previsti per i contratti di formazione, con esclusione dei soggetti con età compresa tra i 18 ed i 29 anni.

La durata dello sgravio non potrà eccedere la durata del contratto stesso (tra i 9 ed i 18 mesi o 36 mesi in caso di assunzione di soggetti con grave handicap) pertanto non opera la proroga per i contratti stipulati e trasformati nelle aree obiettivo 1.

.

Tabella di sintesi

SGRAVI PER ASSUNZIONE PERSONE SVANTAGGIATE DA PARTE COOP SOCIALI

LAVORATORI

– persone di età compresa tra 18 e 29 anni

– disoccupati di lunga durata 29 e 32 anni

– lavoratori con più di 50 anni privi del posto di lavoro

– lavoratori che intendono riprendere un’attività e che non hanno lavorato per almeno due anni

– donne di qualsiasi età che risiedono in aree geografiche in cui il tasso di occupazione femminile sia inferiore almeno del 20% a quello maschile (oppure quello di disoccupazione superiore del 10%)

– persone riconosciute affette da un grave handicap fisico, mentale o psichico

INCENTIVI

Gli incentivi economici sono introdotti dalla art. 59 co.1 del D.Lgs. n. 276/03 e prevedono la possibilità di assegnare al lavoratore una categoria di inquadramento fino a due livelli inferiori a quella spettante in base al C.c.n.l. applicato dal datore di lavoro.

Gli incentivi normativi sono introdotti dall’art. 59 co. 2 del D.Lgs. n. 276/03 e prevedono che: “i lavoratori assunti con contratto di inserimento sono esclusi dal computo dei limiti numerici previsti da leggi e

contratti collettivi per

l’applicazione di

particolari normative e istituti”.

Gli sgravi contributivi, in attesa della riforma, sono quelli previsti per i contratti di formazione, con esclusione dei

soggetti con età compresa tra i 18 ed i 29 anni.

DURATA

Il contratto di inserimento va da 9 a 18 mesi, (fino a 36 mesi per gli assunti con grave handicap fisico, mentale o psichico). Non vanno conteggiati ai fini della durata i periodi relativi al servizio civile o militare e l’assenza per maternità. Non può essere rinnovato tra le stesse parti (ma si può stipulare un nuovo contratto di inserimento con un diverso datore di lavoro) e le eventuali proroghe devono comunque aversi nei limiti stabiliti (18 o 36 mesi).

 

RIFERIMENTO NORMATIVO

– D.lgs. n. 276/03

– Accordo interconfederale per la disciplina transitoria per i contratti di inserimento

Addì 11 febbraio 2004

– Circolare INPS n. 51 del 16 marzo 2004

Agevolazioni Puglia has written 341 articles

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *

*

code

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>